Clicca per ingrandire
Mappa in caricamento logo
Filters

CONSORZIO DEI VINI DELL’ISTRIA

kvi logo

Il Consorzio dei vini dell’Istria, per la tutela e la promozione del vino, è stato organizzatoa come società di interesse economico senza scopo di lucro, unicamente per proteggere, valorizzare, promuovere e gestire gli interessi complessivi della viticoltura e della produzione del vino della regione vinicola dell’Istria slovena. Il Consorzio collega tra loro viticoltori e produttori di vino dell’Istria nonché soggetti che possono contribuire alla conservazione delle varietà di uve tipiche dell’Istria, alla produzione di vini di alta qualità e alla promozione di successo del vino, delle zone vinicole e di altri prodotti tipici dell’Istria.

L’atto costitutivo si è prefisso degli obiettivi che possono essere riassunti in tre gruppi di attività:

1. la tutela dell’origine e del marchio del vino
2. l’attività di consulenza e di ricerca tecnica
3. la promozione del vino sul mercato

Nell’ambito della tutela dell’origine e del miglioramento della qualità del vino è stato adottato il Regolamento  sulla coltivazione della vite e della produzione del vino della specie Refosco al fine di ottenere la denominazione KVI, è stato adottato lo stesso Regolamento per la specie Malvasia istriana nonché il Regolamento sulla valutazione e la qualità delle varietà di vino Refosco e Malvasia istriana per ottenere la denominazione KVI. Il Consorzio è attualmente un po’ meno attivo nella ricerca tecnica, però esercita una stretta collaborazione con tutte le istituzioni competenti in questo settore. L’Università di Primorska, in qualità di membro del Consorzio, lo sta sostenendo. Inoltre il Consorzio collabora con l’Ente di consulenza agricola e con altre organizzazioni simili. Il Comitato di esperti fornisce assistenza tecnica ai soci, controlla la produzione dei vigneti e organizza la valutazione del vino. Per i soci è particolarmente significativa l’attività di promozione del Consorzio che consente loro di rappresentare i propri vini sul mercato, che oggi per la viticoltura ha un significato cruciale.